La coppia intrecciata

Si fa sempre un gran parlare di una supposta persona giusta e, probabilmente, io stessa ho speso in proposito molte parole; potrei aver dato l’impressione che è quello ciò che sto aspettando.

Come se il mio stare ritirata dal mondo, come se il mio sguardo distaccato sulla vita, come se il fatto che l’ultima volta che ho avuto un incontro con un esponente del sesso opposto (eterosessuale e non inequivocabilmente mio amico) sia stato qualcosa come un secolo fa fossero tutti segnali del fatto che, nell’attesa di incontrare il Principe Azzurro, mi conservo e mi riserbo soltanto per lui.

Be’, no. Le cose non stanno così. O almeno, non proprio così.

In effetti, non credo che esista una fantomatica persona giusta, un’altra metà della mela; non credo che da qualche parte, nel mondo, mi media naranja – come dicono gli ispanici – stia soltanto aspettando di incrociare la mia strada. Non lo credo affatto.

Penso piuttosto che, a seconda dei momenti della vita, ci siano diverse persone con le quali potenzialmente si potrebbe costruire un rapporto soddisfacente.

Mi sento di affermare che sinora, nel corso della mia esistenza non lunghissima ma neppure troppo breve, sono stata (quasi) sempre con persone giuste. Persone che, in quel momento, erano proprio ciò di cui avevo bisogno, ciò che volevo e ciò che poteva appagarmi – magari anche in senso distruttivo, perché no.

Come se ci fossero persone giuste per ogni fase della vita – almeno finché non si sceglie più o meno consapevolmente di impegnarsi perché la persona giusta del momento lo sia anche per tutto il resto della propria vita. Perché a un certo momento bisogna scegliere e impegnarsi, questo sì.

Sono dell’idea che i rapporti sentimentali siano come una treccia: ci sono io e c’è l’altro, e finché non vi è un terzo elemento a unirci siamo due individui, indivisibili di nome e di fatto. E, in quanto indivisibili, separati senza possibilità di un vero incontro. Finché non subentra questo terzo elemento.

Affetto, amore, complicità – lo si chiami come si vuole. Io, personalmente, non sono ancora riuscita a trovare un nome soddisfacente; ma il nome conta relativamente poco: ciò che importa è che è questo terzo elemento a tenere unite le persone.

E chiunque abbia provato a fare una treccia con soltanto due pezzi di corda (o di capelli, per le femminucce o i signorini che, almeno una volta, hanno deciso di farsi chiamare capelloni dalle rispettive nonne) sa di cosa sto parlando: è un’impresa improba e, soprattutto, l’intreccio ha vita decisamente breve. Una treccia, per essere bella e duratura, deve essere fatta di tre elementi: io, tu e quella cosa che ci tiene uniti.

In fisica, e più precisamente in quella branca della fisica che studia il microcosmo delle particelle elementari (e delle particelle non elementari ma comunque più piccole di quanto la nostra immaginazione sia in grado di arrivare – non voglio essere pignola, per questa volta) che prende il nome di meccanica quantistica, esiste una proprietà che rimanda a un concetto stupendamente adeguato al contesto: l’entanglement.

L’entanglement, termine che può essere reso in italiano con – per l’appunto – accoppiamento intrecciato, si riferisce a due particelle che sono qualcosa in più che indissolubilmente legate tra loro. Tipicamente, tali particelle sono prodotte insieme in conseguenza al decadimento di una particella di partenza; dopo la loro “nascita”, tali particelle tipicamente procedono lungo direzioni opposte per non incontrarsi mai più. Eppure, in linea di principio, se un milione di anni dopo il loro distacco arrivo io e misuro una proprietà della particella che si è diretta a destra, è inevitabile che, noto il risultato della misura su questa particella, io venga a conoscenza anche del valore che quella stessa proprietà ha per l’altra particella – quella che un milione di anni prima se ne è andata a sinistra per la sua strada. C’è una cosa che le tiene unite. E fa sì che non siano soltanto due particelle raminghe che vagolano qua e là per il cosmo sconfinato, ma i due elementi che, grazie a questa terza cosa, sono in grado di formare una treccia.

Affascinante, vero? Be’, io lo trovo molto affascinante – soprattutto considerando tutti i mesi che ho impiegato per appropriarmi davvero del concetto. Se qualcuno fosse tentato di approfondire mi scriva un’email che lo sommergo di parole e di bibliografia😉

E comunque. Già Platone, nel Simposio, sosteneva – con il mito delle due metà narrato da Aristofane – che uomini e donne non fossero altro che due “prodotti” del decadimento (forzato dall’invidioso Zeus) di un essere primigenio perfetto. Non è che stia dicendo niente di nuovo, dunque. Questa è un po’ la teoria dell’altra metà della mela – nella quale ho già affermato di non credere. Quindi non posso smentirmi proprio ora. O forse sì?

Sicuramente, nel caso dell’entanglement, conta la condizione che entrambe le particelle, nel loro vagolare per il cosmo, non siano mai state sottoposte ad alcuna forza esterna che ne alteri lo stato. Un po’ come un compagno di banco antipatico che, a forza di tirare la treccia, finisce per disfarla.

Ci vuole un accoppiamento intrecciato particolarmente resistente, o comunque impermeabile a tutta una serie di forze esterne. Quali siano esattamente queste forze esterne… Ehm.

E comunque, intanto che cerco di chiarirmi ancora di più le idee in proposito, potrei mettere un annuncio da qualche parte: cercasi uomo desideroso di costruire con me uno stato di accoppiamento intrecciato.

Ha un suo appeal, no?

[diggita] [informazione] [OkNotizie] [Segnalo] [technotizie] [wikio] [YahooMyWeb] [Technorati]

Spedisci via mail

8 Responses to “La coppia intrecciata”


  1. 1 .mau. 7 ottobre 2008 alle 10:58 am

    “Dormi e ti avvolgerò nelle mie braccia come il convolvolo avvolge gentilmente il dolce caprifoglio.”

  2. 2 xlthlx 7 ottobre 2008 alle 11:06 am

    mmm dubito ergo sum. una persona giusta per una fase della vita secondo me e’ una contraddizione in termini: ovvero, non e’ la persona giusta. secondo me quando poi ti capita davvero la persona giusta ti rendi conto che e’ giusta anche per il futuro. poi chiaro che e’ una scommessa😉

  3. 3 pietroizzo 7 ottobre 2008 alle 5:33 pm

    indubbiamente, ma con una frase così non si sa mai chi potrebbe rispondere :-)))

  4. 4 ilredeire 7 ottobre 2008 alle 11:52 pm

    Ma Cecchi Paone è figlio di Zeus?!
    Comunque è veramente una questione di alchimia, la prova è data dal fatto che tutte queste supposte non fanno che arricchire le farmacie!

  5. 5 sht 8 ottobre 2008 alle 10:19 am

    Concordo sul fatto che dare un nome a questo “terzo elemento” di “unione” sia poco importante lo si chiami “Affetto, amore, complicità”, ma provo a nominarlo, lo stesso. Per me si tratta di BISOGNO. Di una necessità primaria e/o secondaria, costruttiva e/o distruttiva. Nonostante i cambiamenti della vita questo BISOGNO rimane e rimarrà sempre. E’ quella sensazione che a diversi livelli ti fa pensare ti poter “avere qualcuno” sia per “una notte e via” sia per una telefonata, nel “cuore della notte” per dire un semplice “ti voglio bene”.

  6. 6 Rosario 8 ottobre 2008 alle 12:54 pm

    Trovo il terzo elemento e rispondo al tuo annuncio, o vuoi sceglierlo tu?😉

  7. 7 bob 8 ottobre 2008 alle 6:07 pm

    tu dici che esiste un insieme finito di persone con le quali potremmo costruire un futuro insieme, ovvero potrebero essere le nostre anime gemelle, e concordo. ora ti dimostro che la persona adatta a ciascuno di noi esiste ed è unica: dato questo insieme di potenziali metà della mela, i suoi componenti sono tutti diversi fra loro, infatti nessuna persona è uguale a qualcun’altra e quindi a noi, altrimenti sarebbe quella l’anima gemella e la ricerca tesa verso costei; poichè le persone componenti tale insieme sono diverse una e solo una è quella più simile a noi, ovvero che più combacia (matcha) con i nostri gusti. Quindi la metà della mela esiste, c.v.d.

  8. 8 awhile 10 ottobre 2008 alle 3:35 pm

    bella l’immagine delle particelle che raminghe marciano l’universo con addosso l’una il segno indelebile dell’altra
    un segno che è speculare, identico
    fuori metafora forse la treccia è un concetto stretto faticoso il terzo elemento è come sganciato dal resto, delle altre ciocche come se noi o meglio le nostre menti non fossero nelle relazioni con il mondo e con gli altri uomini
    allora proporrei, più che una treccia così bella e ordinata, un nodo nelle folte chiome dell’umanità, dei dread formati da migliaia di capelli, ognuno elemento di contingenza sia esso uomo che fatto o cosa
    allora l’entaglement suona più affascinante perché più complesso, più caotico
    e la persona giusta diventa tale perché giusti sono la luce, i profumi, le atmosfere, gli umori e i desideri, i ricordi e le brezze e quelle parole, pensieri et cetera
    mille fili e un nodo


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 79,422 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: