Un post preso bene

Da qualche giorno ormai Candi non fa altro che chiedermi di scrivere, finalmente, un post “preso bene” – sottolineando tra l’altro il gioco di parole basato sul termine “post”… Come se non fosse più possibile, per me, ormai, essere presa bene.

Abbiamo cercato in ogni modo di delineare dei contenuti allegri e sbarazzini o, se non altro, che non fossero foschi e pieni di pessimismo cosmico. Fallendo miseramente.

Perché non è che non scriva più a causa di un attacco di pigrizia – o almeno, non è soltanto per quello. Il fatto è che, nelle ultime settimane, questo coinvolgimento emotivo forse corrisposto o forse no mi sta prosciugando le energie e, soprattutto, mi fa passare la voglia di mettermi in discussione più di quanto non faccia già nottetempo, quando il sonno tarda ad arrivare.

Però è successa una cosa, una cosa semplice nei gesti e complessa nella portata: ho trascorso una buona mezzora di un sabato pomeriggio con il mio viso completamente affidato alle mani – e ai pennelli – di un truccatore professionista.

C’è stata infatti una lunga fase, nella mia vita, in cui ogni mattina le abluzioni quotidiane davanti allo specchio erano costituite, come coronamento, dal cospargimento di fluidi e creme e polverine colorate su tutto il volto; e di riflesso, ogni giornata si concludeva con un’accurata asportazione di tutte queste sostanze chimiche il cui unico scopo era, si suppone, quello di farmi sembrare più bella.

Da una manciata di anni a questa parte, tuttavia, ho deciso che era diventato intollerabile non riuscire più a riconoscermi se non ero imbellettata di tutto punto; ho deciso del tutto arbitrariamente che il mio riflesso nello specchio – scioccata, probabilmente, dall’esperienza del True Mirror – doveva essere lo stesso al mattino appena sveglia e nel bel mezzo di un evento sociale.

Così ho lasciato che mascara, fondotinta, ombretti e rossetti allineati nel mobiletto del bagno si sgretolassero progressivamente fino a oltrepassare il “best before end”. Be’, no; il mascara no, a dire il vero. Perché ho le ciglia lunghe, che sbattono contro le lenti degli occhiali: e il rimmel incurvante è l’unica cosa che mi permette di piangere senza aver poi bisogno di un tergicristalli, ma soltanto di una buona dose di struccante se proprio non ho avuto l’accortezza di comprare un prodotto waterproof.

E comunque. Marc, il truccatore, mi ha fatto sedere su uno sgabello altissimo di fronte a tre specchi illuminati a giorno e ha iniziato a parlarmi con voce suadente e rassicurante – in francese, soprattutto per un uomo gay, la cosa in effetti avviene abbastanza naturalmente. E mi ha proposto, data la mia inveterata abitudine a rifiutare il trucco, un maquillage nu: il trucco c’è, ma non si vede.

Uscita dallo studio di Marc, effettivamente non sembravo truccata. Ero sempre “io”, ma più… Più bella? Non saprei. Più curata? Sicuramente sì, ma non soltanto quello. Mi sentivo anche un po’ una stupida, la sera, dopo aver cenato con i miei genitori ed essere tornata in hotel alle nove con tutti quei pasticci in faccia e senza uno straccio di prodotto adatto a toglierli.

Ma il fatto è che ieri sera ho avuto un secondo appuntamento, se lo vogliamo definire così – come in realtà è, perché c’è stato il primo appuntamento, e quello di ieri era il secondo. Solo che mi fa strano, definirlo così. E comunque. Ieri sera, mentre fingevo che l’orologio del cellulare fosse dieci minuti avanti e mi asciugavo i capelli con la mano che, delle due, non era quella impegnata a cercare di infilare i collant, ho avuto un attimo di esitazione. Ho lasciato vagare lo sguardo alla ricerca di un campione gratuito di fondotinta e, con studiata indifferenza, ho svuotato un po’ di liquido sulle dita. Con in sottofondo la voce di Marc che, scuotendo la testa per l’assenza dell’apposito pennello, ripeteva cadenzatamente parole come “sfumare”, “fondere”, “stendere”.  E un po’ paradossalmente, forse, ho ripetuto coscienziosamente la sequenza classica fondotinta-polvere-mascara-blush-ritocchi con l’asciugacapelli pinzato tra le gambe, una delle quali con una calzamaglia penzolante, pensando che stavo facendo qualcosa per qualcuno.

Pensando che quel trucco non era una maschera che, una volta tolta, avrebbe rivelato il mio orribile vero sé, ma semplicemente un modo come un altro per far capire a qualcuno “guarda, ci tengo a farti vedere che ho impiegato del tempo a prepararmi per te. Perché tu sei importante e meriti tutto questo tempo, e molto di più.”

Ecco, forse è in questo senso che si tratta di un post preso bene. Non perché io stia saltellando di felicità – anzi, piuttosto sono in preda a crisi di pianto piuttosto ingiustificate se non alla luce del dolore che provoca lo sgretolamento delle armature. Quanto perché ho (ri?)scoperto che esistono dei gesti semplici, caricati di significati indicibili e pregnanti, che un giorno senza quasi nessuna ragione diventano qualcosa di diverso. E di bello.

[diggita] [informazione] [OkNotizie] [Segnalo][technotizie] [wikio] [YahooMyWeb] [Technorati]

11 Responses to “Un post preso bene”


  1. 1 .mau. 10 dicembre 2008 alle 5:39 pm

    l’idea di truccarti perché vuoi impiegare del tempo per te proprio non ti sfiora, insomma…

  2. 2 xlthlx 10 dicembre 2008 alle 6:23 pm

    accidenti, battuta sul tempo da .mau.😀

  3. 3 pietroizzo 11 dicembre 2008 alle 10:27 am

    maledizione, battutissimo sul tempissimo da .mau. e xlthlx!!!
    comunque complimenti per il second date, adesso aspetto di sapere cosa succederà al quarto…!

  4. 4 odiamore 11 dicembre 2008 alle 12:27 pm

    Ehm ehm… no, in effetti l’idea non mi aveva proprio nemmeno sfiorato🙂 Però faccio un sacco di altre cose per me, tipo cospargermi di creme e cataplasmi, usare shampoo che costano più di una cena al ristorante giapponese. Ma il trucco no, quello proprio no. Mi sa che a questo punto però dovrò provare a ricredermi!

  5. 5 Mitì 11 dicembre 2008 alle 6:46 pm

    Mi sono persa nel conto delle mani (cellulare asciugacapelli collant)…;-D
    Ricrediti, sì. Tanto coi lineamenti belli che hai, te ne basta davvero proprio poco di trucco :-**

  6. 6 patty 11 dicembre 2008 alle 8:13 pm

    ha ragione mitì, e hai anche un bel sorriso (e dei capelli meravigliosi)…

  7. 7 odiamore 11 dicembre 2008 alle 10:54 pm

    Ragazze, basta con i complimenti, perché non li so accettare🙂

  8. 8 Candi 14 dicembre 2008 alle 10:19 pm

    Diciamo che quando ho chiesto un post preso bene, mi aspettavo qualcosa di un po’ gioioso…

    Per quanto concerne l’argomento trucco e correlati, ritengo che curarsi per fare in modo di apparire più carine sia un qualcosa di utile per la “società”, ma anche per noi stessi, dal momento che di questa società, volenti o nolenti, siamo parte. Inutile addentrarsi troppo in discussioni un po’ trite e ritrite e scervellarsi a cercare di affrontare l’argomento in modo “originale”; essenziale e forse banale scriverti che: comunque truccate e agghindate si è più carine e sicuramente gli uomini capitolano prima e con piacere!! Hai fatto quindi benissimo a “farti bella” per il tuo secondo appuntamento, e ricordati che potrai sempre smettere quando lui non avrà più la possibilità di lasciarti andare! Pensa a me col pigianone e consolati!! ^_____^’

  9. 9 patty 21 dicembre 2008 alle 2:47 am

    domanda: ma non scrivi più così spesso perchè l’amore ti ha ghermito il cuore e…le dita? che bello però…pensa che io mi sono lanciata e ho invitato fuori a cena un lui…che ha gentilmente declinato l’invito posticipandolo a tra un mese (perchè una cena non si rifiuta mai)…goditela…anche per me.(grazie)

  10. 10 odiamore 22 dicembre 2008 alle 11:48 am

    Candi: persevero nel trucco, ma anche con il pigiamone – addirittura, confesso che in questi giorni freddi al pigiamone ho aggiunto i calzini antiscivolo con le paperette… privilegi delle giovani single😉

    Patty: mi chiedo anche io perché non scrivo più così spesso, a dire il vero. Sono sempre sola e soggetta ad attacchi di pianto, tuttavia; quindi non è esattamente che me la stia godendo😉 per quanto riguarda il lui che ha posticipato l’invito, lascerei forse perdere – a meno che il motivo non fosse che nel prossimo mese sarà impegnato in una missione di pace dall’altra parte del mondo. La cosa importante, mi sembra, è che tu ti sia lanciata con qualcuno. Importante perché da quanto ho potuto intuire per te era un problema farlo. Quindi si tratta di avere un po’ di pazienza, e sperare che la prossima volta – con lui o con un altro – l’invito sia tu a riceverlo🙂

  11. 11 patty 9 gennaio 2009 alle 1:10 am

    …no, niente invito..anzi, calma piatta…nonostante abbia rilanciato (per il gusto di stanae il ragnazzo), ma mi ha ignorato. dunque giro pagina (ma con molto dolore, che non immaginavo così preponderante e nei momenti più inaspettati)…ho idea che non piaccio. ma domani è un altro giorno. ma tu aggiornami…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 79,422 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: