Il lato buono delle cose

Come si diceva oggi con destynova, in momenti come questo scopri se alcuni rapporti vanno avanti perché sotto c’è Qualcosa oppure se è perché le abitudini svolgono il ruolo solitamente assegnato all’interzia.

E’ come se il mondo degli affetti si dividesse in due: quelli veri e quelli presunti. E la scoperta di quanto inaspettata sia la caduta nell’una o nell’altra categoria può fare male, a volte; ma non tanto quanto il bene che fa venire a sapere che ci sono persone piene di emotività e di calore che non chiedono altro se non di riversarteli addosso sotto forma di delicati rivoletti oppure di cascate scroscianti, soltanto per farti capire che ti sono vicine.

E tra queste persone ci siete voi che avete letto, mi avete scritto, mi avete parlato da dietro un sorriso. E che probabilmente dopo questo post mielato e zuccheroso smetterete per sempre di farlo😉

Mi rendo conto – e lo sapevo ma ora posso davvero rendermene conto con consapevolezza – che sono una persona davvero fortunata, perché sono arrivata ai trent’anni senza aver mai saputo cosa volesse dire soffrire disperatamente per qualcosa che non fosse una pena d’amore. Ma le cose che sono successe a tanti di quelli a cui voglio bene e che ho sempre assorbito a distanza, come se fosse un libro e non come se fosse vita-vera, “finalmente” sono successe anche a me e ai miei cari. Eppure, nonostante il mio quasi-egoismo incolpevole, i trent’anni che ho trascorso senza soffrire mai per qualcosa di così ineluttabile come una malattia, al momento-del-bisogno sono accorsi così tanti affetti anche da fonti insperate e sconosciute da farmi traboccare il cuore di gioia.

Quindi ancora grazie, grazie a tutti voi che avete fatto sì che il buio pervicace fosse invaso da piccoli sprazzi di luce – perché la somma delle parti è minore del tutto, almeno in questo caso in cui il tutto è il lato buono delle cose, quello che ti dà la voglia di tuffarti in un ottimismo non del tutto giustificato – ma chissenefrega: dopo la sindrome di Candy Candy, posso farmi carico anche di quella di Candide.

E grazie soprattutto perché alcuni detrattori potrebbero obiettare che non costa molto lasciare due righe di commento alla fine di un post, o mandare un’email a una sconosciuta, o scambiare due parole consapevolmente gentili e opportunamente affettuose. Ma dal momento che alcune delle persone che mi conoscono da anni si sono guardate bene dal farlo… Questi supposti detrattori farebbero bene a rimangiarsi le proprie obiezioni ancora prima di averle esternate.

Colgo dunque l’occasione, presa dall’entusiasmo, di raccogliere la segnalazione di Mitì e promuovere anch’io un nuovo aggregatore di blog, che mi è piaciuto anche perché per arrivare al sito devi fare un giro che non finisce più, dato che (almeno a me) i link non funzionano mai😉 – e questo ti dà sempre l’opportunità di scoprire cose nuove.

Nel tentativo che possa essere un’altra piccola ma indispensabile goccia in un mare che preferisco mille e mille volte a quello in cui avrei potuto bagnarmi se, 26 giorni fa, avessi scelto l’altra porta e fossi partita per il Brasile.

4 Responses to “Il lato buono delle cose”


  1. 1 Mitì 26 agosto 2008 alle 12:55 am

    Ti abbraccio, mia dolce candida Candide! Quando vieni giù? :-*

  2. 2 Fabioletterario 28 agosto 2008 alle 1:06 pm

    Insomma, stai diventando per davvero un aggregatore di sindromi?🙂

  3. 3 Davjdek 29 agosto 2008 alle 10:16 pm

    Cara Odiamore,
    la questione che sollevi è assai complessa. Spesso non è facile distinguere in modo netto gli affetti reali da quelli presunti, perché questa distinzione presuppone la conoscenza di “che cosa c’è nel cuore” della persona da inserire in uno dei due insiemi. A volte capita che una persona che ci appare un affetto presunto, in realtà ci ama profondamente, ma è troppo timida per farcelo sapere, e la timidezza la fa sembrare indifferente.
    Sono felice che ora tu sia più serena. Io invece avrei bisogno di un po’ di consolazione: alla fine delle vacanze estive le mie solitudini si fanno più pesanti e penose del solito. E in più, questa è stata la mia ultima estate prima dei 40 anni… sigh sigh!
    Un abbraccio e a presto

  4. 4 odiamore 31 agosto 2008 alle 11:20 pm

    Mitì: verrò giù a fine settembre per il matrimonio di una carissima amica, ma si tratta di una toccata e fuga😦 Poi però un paio di settimane tra fine ottobre e inizio novembre non me le leva proprio nessuno! A prestissimo, dunque🙂

    Fabio: Cavolo, un aggregatore di sindomi – su questo ci scappa il post, appena ritrovo la perduta ispirazione😉 grazie per il suggerimento!

    Davjdek: la timidezza è una bruttissima bestia, che conosco molto bene. E soprattutto, per quanto io credessi di averla superata, intorno ai vent’anni, ho scoperto che si reimpossessa di me ogni volta che mi sento un po’ più debole. Però ne faccio un punto d’onore: non permetterle mai di derubare le persone a me care del mio affetto! Per quanto riguarda le tue solitudini… vorrei tanto poter fare qualcosa, ma so di non essere in grado. Credo però che una persona che scrive bene come te, con una simile raffinatezza e una tale profondità di pensiero, se rimane tanto a lungo da sola è perché ci mette un po’ del suo – e lo dico da parte in causa; mi permetto di sputare sentenze soltanto perché faccio parte della schiera di quelli che “ce ne mettono del loro”🙂 Scrivimi un’email, se ti va, ché ne possiamo discutere un po’ più in privato.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 79,422 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

agosto: 2008
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: