Come si cambia

In questi ultimi giorni, in cui avrei dovuto/potuto stare tumulata in casa ad annoiarmi e a rimpiangere le spiagge brasiliane, non ho avuto invece un attimo di respiro: mio padre esce dall’ospedale e si ritrova con una congiuntivite fulminante che ci fa correre al pronto soccorso di un altro ospedale (oftalmico); mia madre entra in bagno e scopre con orrore che il vetro della doccia è esploso nottetempo; io medesima decido di trascorrere il fine settimana in un rifugio montano e devo correre di qua e di là per recuperare scarponi, sacco a pelo, bottiglie vuote da riempire d’acqua cammin facendo eccetera eccetera eccetera.

Nonostante tutto, dopo tanto agire ho trovato una manciata di minuti per pensare; o comunque, se non proprio pensare, per lo meno ripiegarmi su me stessa e prendermi la briga di fare un po’ di autoanalisi.

E così sono tornata su mypersonality, un sito ragionevolmente serio su cui è possibile fare test di personalità un po’ più accurati e “scientifici” rispetto a quelli dei magazine – soprattutto rispetto a quelli pubblicati nei mesi di luglio e agosto. Avevo fatto il test del “tipo di personalità” per la prima volta suppergiù nel mese di marzo 2008: quattro mesi fa all’incirca, dunque. Ovviamente, in un lampo di stupidità ho lasciato che i nuovi risultati (badge nella colonna a destra, per chi fosse interessato) sovrascrivessero i vecchi, di cui non ho più traccia; li ricordo sufficientemente bene da notare, tuttavia, che mentre le prime tre caratteristiche sono rimaste pressoché immutate, la quarta è passata all’estremo opposto.

I risultati del test, che si basa sulla teoria dei tipi psicologici di C.G. Jung, sono tali per cui le risposte a un’ottantina di domande classificano il soggetto in base a otto categorie a due a due contrapposte.

La distinzione di partenza si ha tra estroversione e introversione: nel primo caso, il soggetto è più portato* verso il mondo esterno, i fatti e le persone altre; nel secondo, chiaramente, il soggetto tende a ripiegarsi su di sé e, pur non disdegnando la compagnia, preferisce trascorrere il tempo a pensare oppure a confrontarsi con pochi intimi.

Le dicotomia esistente tra pensiero e sentimento, invece, si riferisce al modo in cui gli individui prendono decisioni: basandosi sulla logica oppure sull’emotività. Per inciso, vedo qui alcuni segnali della distinzione cervello maschile / cervello femminile di Simon Baron Cohen, a cui ho già accennato e di cui, temo, parlerò ancora in futuro.

Sensazione e intuizione sono, secondo Jung, caratteristiche meno “razionali” delle precedenti (il termine “razionale” qui è fuorviante ma non me ne viene in mente uno migliore), legate a come i soggetti elaborano i dati in loro possesso: la sensazione è collegata al qui e ora, alla concretezza e alla consapevolezza delle condizioni al contorno; l’intuizione è più astratta, è un leggere tra le righe, un susseguirsi di impressioni rivolte al futuro piuttosto che al presente, un continuo chiedersi “cosa succederebbe se”.

Per finire, la tendenza giudicante si differenzia da quella percettiva in un modo che, almeno secondo me, poco ha a che fare con il significato usuale degli aggettivi in esame: la prima indica una preferenza verso l’ordine, la pianificazione, la consequenzialità di azioni e sentimenti; la seconda si riferisce invece alla flessibilità, l’apertura, la possibilità di cambiare anche in corso d’opera.

E pertanto. Rispetto a marzo 2008, in cui la mia tendenza giudicante predominava all’incirca per il 60%, la situazione si è ribaltata: introversione, sentimento e intuizione sono all’incirca rimaste uguali, ma la tendenza percettiva è diventata del 74%!

Si cambia, certo. Si cambia continuamente. Ma come, e quanto? Io sono diventata più percettiva, e sono diventata più percettiva del 34% circa… Il 34% più flessibile, più aperta ai cambiamenti, più rilassata, spontanea; il 34% meno veloce nello svolgere i compiti che mi sono assegnati, al contempo, e il 34% meno disposta a pianificare. E mi è anche venuto il primo capello bianco, proprio al centro della fronte: che sia la volta buona che la gente, quando comunico di aver finito l’università da un pezzo (e meno male, dato che ho trent’anni), cominci a evitare di emettere gridolini di stupore?

Quanto consolatoria può essere, una semplice percentuale. E comunque, ci terrei a sottolineare che da un profilo di personalità uguale a quello di Amélie Poulain sono passata al suo… no, no, scusate ma mi sono confusa: al suo.

Buon fine settimana a chi parte e a chi resta. Io a dire il vero parto per due giorni, quindi non parto né resto. Buon fine settimana anche a chi non parte né resta, pertanto. E non dimenticatevi di loro: personalmente, io ho una lista di desideri che forse neanche il cielo che si vede da 2500 metri slm potrà soddisfare – ma ci provo lo stesso, perché no.

*A orientare la propria energia psichica, secondo la terminologia di Jung – che però tralascio nel seguito, perché non è che sia un campo in cui mi trovi proprio a mio agio – per non dire che mi vanto di avere, al proposito, quella che non saprei come definire se non crassa ignoranza.

4 Responses to “Come si cambia”


  1. 1 PlacidaSignora 13 agosto 2008 alle 7:21 pm

    Come va ora papà?
    E avete trovato una spiegazione scientifica all’esplosione in bagno?:-*

  2. 2 Mascalzone Latino 16 agosto 2008 alle 2:17 am

    E pensa quanto cambierai spegnendo la testa e andando su e giù stupidamente per la vasca di una piscina! Miracoli da stelle cadenti!

  3. 3 Rosario 18 agosto 2008 alle 1:55 pm

    E va bene, mi hai convinto, avevo rimandato per pigrizia ma alla fine ho compilato anch’io il mio bel test sulla personalità, peccato che a parte l’essere introverso quanto te (e anche più) il resto è tutto l’opposto. Sarà grave?

    E poi quei capelli bianchi… nessuno si è ancora accorto del tuo? i miei sembrano essere l’argomento preferito dell’estate dei miei amici e parenti, tutti a chiedere: “Ma ti stanno spuntando i capelli bianchi?”, “Ma perché non li tiri via già che sono pochi” (beata innocenza, come se non ci avessi provato), “ma ti sono spuntati i peli bianchi anche sul petto?” (questa per fortuna voi donne ve la evitate), ect.

    Mi vien voglia di puntare i piedi per terra e resistere al tempo che avanza e mi trascina come un torrente in piena, vorrei non arrivare a quel 30esimo compleanno che è ormai alle porte.

    E intanto cambio, si, ho smesso di fumare (dopo più di 10anni), ho ridotto i caffè perché il cervello mi dice che sono droga e “io” non ho bisogno di droghe, sposto mobili e suppellettili, mi rassegno all’essere considerato coetaneo dai 40enni e vecchio dagli adolescenti che mi danno del lei; e mi sento come se dovesse succedere qualcosa allo scattare dei 30, un pò come per i 18… spero con risultati migliori.

    Ancora affettuosi auguri per la salute di tuo padre.

  4. 4 odiamore 18 agosto 2008 alle 5:45 pm

    Placida Signora: per il bagno ci siamo limitati a smantellare il tutto senza farci troppe domande. I miei ricordi del primo anno d’università suggeriscono che i materiali abbiano una specie di punto di rottura quando ci sono delle forti escursioni termiche – o qualcosa del genere (meno male che non ho studiato ingegneria!)… La lezione è la seguente: in bagno niente vetro, soltanto plastica e materiali infrangibili – anche gli specchi, in effetti, a cosa diavolo servono?😀

    Mascalzone Latino: ecco quale desiderio mi ero dimenticata di esprimere – che tu diventassi finalmente l’antisportivo per eccellenza… ma mi sa che neanche le stelle cadenti possono fare niente, al proposito😉

    Rosario: non credo sia grave che tu (introversione a parte) sia “tutto l’opposto” – nel senso: non credo che il mio tipo di personalità, per quel che puo’ valere il test, sia da prendere d’esempio🙂 Il capello bianco… alla fine ho ceduto, e ho chiesto a un’amica di strapparmelo con una pinzetta; in realtà non c’e’ riuscita e mi ha confessato di aver usato le dita – da cui si spiega il dolore terribile. Un pizzico di vanita’ e una spolverata di superstizione, dal momento che da quando mi sono accorta della sua esistenza le cose non e’ che stessero andando proprio bene. E poi, pecchero’ di maschilismo, ma i miei amici che si stanno imbrizzolendo trovo stiano piuttosto bene; non so, hanno un’aria piu’ fascinosa e rassicurante. A me i 30 anni hanno cambiato ben poco: gli estranei continuano a chiamarmi “ragazza”, se non addirittura “ragazzina” e gli adolescenti mi danno del Lei da tempo immemorabile – colpa della mia espressione severa, probabilmente. E se penso al periodo dei 18… oh my, meno male che e’ passata!🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 79,422 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

agosto: 2008
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: