Ogni tanto ci vorrebbe proprio

Sarà un caso che, proprio la notte di San Valentino, mi sia venuta l’influenza? E non l’influenza con la febbre, ma quella ben più perniciosa che, pur facendoti sentire come se il tuo corpo fosse diventato una pista di prova per carrarmati, non ti impedisce di uscire di casa per venire in ufficio a far finta di lavorare.

Io non festeggio il Natale, non festeggio la Pasqua e, da qualche anno ormai, tendo a trascurare anche i compleanni – il mio, se non altro. Risulta quindi abbastanza ovvio che, almeno in teoria, festività comandate dal marketing globale dovrebbero essermi del tutto indifferenti.

Come se non bastasse, stamattina, dopo una notte insonne trascorsa tra il freddo e il caldo mettendo e togliendo calzettoni e maglioni di lana – sono diventata bravissima a vestirmi al buio sotto il piumone, in compenso – non appena entro in bagno e accendo la radio mi trovo costretta ad ascoltare un servizio su pregi e difetti della vita da single: single per scelta, single per forza, single che consumano e inquinano più delle coppie…

Io non lo so, perché non sto con nessuno né esco con nessuno né c’è qualcuno che mi interessa “in quel senso”. E non è che si tratti di una condizione che patisco, a dirla proprio tutta.

Però poi a volte capita che sono le tre di notte e non sai se hai freddo o caldo, ti fa male la schiena e hai i brividi alle gambe e alle braccia nonostante la fronte sia imperlata di un sudore appiccicaticcio. E ti investe un ricordo indistinto che probabilmente è una sovrapposizione di ricordi diversi (alcuni dei quali risalenti alla primissima infanzia, credo): la persona sdraiata accanto a te ti abbraccia, ti passa un fazzoletto bagnato sulla fronte, ti massaggia la schiena, ti porta una tisana calda.

Che dire? Ogni tanto ci vorrebbe proprio…

Annunci

7 Responses to “Ogni tanto ci vorrebbe proprio”


  1. 1 xlthlx 14 febbraio 2008 alle 5:29 pm

    si, ci vorrebbe. poi magari ti capita che ce l’hai e sarebbe pure un uomo che ti vizia da matti ma stai a tot km di distanza e anche se sei nel letto e avresti bisogno di un massaggio alla spalla perche’ ti sta facendo impazzire dal dolore, lui non puo’ essere li’.
    insomma, questo e’ quello che e’ capitato a me ieri sera 😉

  2. 2 odiamore 14 febbraio 2008 alle 5:41 pm

    Non c’è proprio limite alla sfiga, vero? 😀 Bah, io me ne vado a casa da sola, mi faccio una tazza di te e mi mangio la mia merenda nutrizionalmente corretta (trentaduesimo giorno di dieta, più o meno). In attesa di tempi migliori… Che tanto è sempre meglio soli che male accompagnati!

  3. 3 principasticcio 14 febbraio 2008 alle 5:45 pm

    Mi sa che siamo in due con l’influenza! Anche io contro San Valentino in quanto festa consumistica (e infatti penso che il santo si sia vendicato!), ma sarei andata a cena fuori con il mio amore, che adesso si sta inventando una qualche soluzione alternativa.
    Buona guarigione anche a te!
    princi

  4. 4 Fabioletterario 14 febbraio 2008 alle 6:33 pm

    Su, io sto fondando un club che ha già molte adesioni… Passa a trovarmi…

  5. 5 Mitì 15 febbraio 2008 alle 2:56 am

    Come stai, stelìn? :-**

  6. 6 odiamore 15 febbraio 2008 alle 1:26 pm

    Grazie per la solidarietà 🙂 oggi sto meglio, “soltanto” raffreddata, senza più l’impressione che una squadra di rugby abbia fatto allenamento sulle mie stanche membra!!

  7. 7 demi4jesus 26 febbraio 2008 alle 7:30 pm

    “Io non festeggio il Natale, non festeggio la Pasqua e, da qualche anno ormai, tendo a trascurare anche i compleanni – il mio, se non altro. Risulta quindi abbastanza ovvio che, almeno in teoria, festività comandate dal marketing globale dovrebbero essermi del tutto indifferenti.”

    Questa sì che è poesia!! 😛
    io non festeggio nulla di specifico… ma festeggio tutto tutti i giorni.. e nulla quando mi è imposto dal marketing globale..
    anyway… spiacente per la tua influenza… che credo ormai sia passata da un pezzo…
    per la tisana, i massaggi etc etc… non preoccuparti, credo che con la tecnologia che avanza così velocemente presto potremo contare su dei robottini che siano disposti a far ache questo per noi… ehehehe 😛
    ah… che dire… boh… ogni tanto ci vorrebbe… ma sempre torna il motto che a’na certa:”meglio soli che male accompagnati!” 😛


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 80,097 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

febbraio: 2008
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: