Il potere della lingua

Io amo l’italiano. E’ una lingua stupendamente ricca e versatile e, soprattutto, è la mia lingua. E mi accingo a usarla come un’arma contro chi invece sembra non amarla affatto – o se non altro la tratta molto male.

Adoro anche, nell’ordine, l’inglese, il francese e lo spagnolo – e vorrei tanto adorare anche il giapponese, ma ancora non sono riuscita a impararlo. Ogni volta in cui parlo, leggo o traduco da una lingua che non è la mia sento un brivido di felicità e un senso di quasi-onnipotenza: il potere delle lingue è enorme, perché è il potere di comunicare con altri esseri umani sia qui e ora (grazie al turismo di massa 😉 ) sia altrove e in un’altra epoca (grazie, oltre che al web, ad altri “oggetti” come i libri).

Ma niente è paragonabile alla mia lingua, perché è mia. Che mi piaccia oppure no – e fortunatamente, lo ripeto, mi piace tantissimo. A parte quando devo tradurre testi specialistici scritti in inglese: in quei casi la odio cordialmente, ma si tratta di circostanze lavorative che esulano un po’ dal contesto generale della mia vita, in cui l’italiano è tra le cose che amo di più. Anzi. Amo talmente tanto la lingua italiana da provare un vero e proprio spasmo di sofferenza fisica ogni volta in cui vedo errori che non sono refusi, frasi prive di coerenza logica che non sono anacoluti. O per lo meno sono anacoluti – non – voluti.

Non ho idea del motivo per cui persone con una formazione universitaria e in grado di scrivere concetti anche estremamente interessanti, ben strutturati e stimolanti scivolino sull’ortografia. Sì, proprio sull’ortografia: come scrivevo, non si tratta di refusi, quando sono così spesso reiterati – si tratta di ignoranza. Ah, dimenticavo una precisazione: non vale il viceversa, ossia scivolare sull’ortografia non è indice del fatto che i contenuti siano estremamente interessanti eccetera. E con questo, lo so, mi sono resa definitivamente odiosa 🙂

E comunque: non conosco le ragioni di tale appiattimento linguistico, di tale imbarbarimento (ho le esigenze di purezza linguistica di un accademico della Crusca di inizio settecento, si era intuito?); alcuni esperti sostengono sia colpa della scuola, altri dell’uso del computer e di strumenti come i correttori automatici, altri ancora di “oggetti” come i blog. Mah. Tempo fa ho letto un bel post sugli errori in cui è più frequente imbattersi sulla rete; più recentemente, mi è capitato di partecipare su Facebook a un forum sull’argomento “quante lingue conoscete?” e mi ha rallegrato leggere molte repliche che insistevano sull’importanza di conoscere la propria lingua madre, prima di impararne altre.

Non sono così sicura che la “colpa” sia del mezzo di comunicazione (blog, chat ecc.); mi piacerebbe, tuttavia, conoscere al riguardo anche altri pareri da parte di persone che sono solite scrivere per piacere, e non soltanto per lavoro.

Premettendo che la mia formazione ortografica è tuttora in corso (spesso mi capita di interpellare un amico che di mestiere fa il redattore), le questioni più “scottanti”, per quanto mi riguarda, sono le seguenti.

1. la confusione tra accenti gravi e acuti

Anche se quando facevate francese alle scuole medie, come la sottoscritta, non ci pavete capito niente, in realtà ci sono delle regole ben precise anche in italiano: perché, giacché, né, sé, finché eccetera. Già che siamo in argomento, “se stesso” e varianti (stessa, medesimo, medesima) l’accento non lo vogliono (anche se l’Accademia della Crusca qui sostiene che entrambe le forme sono accettabili). Allo stesso modo, ventitré, trentatré e tutti gli altri composti di tre lo vogliono acuto, così come le terze persone singolare del passato remoto – come batté o rifletté. L’accento grave è invece da utilizzare esclusivamente per la terza persona singolare del verbo essere, per il suo composto cioè e per sostantivi come tè, caffè, narghilè e alcuni nomi biblici come Noè, Giosuè e Salomè.

2. la confusione tra accenti e apostrofi e i casi in cui “non ci vuole nulla”

L’unica voce verbale tra le terze persone singolari dell’indicativo a volere l’accento (vado a memoria) è dà. Pertanto, mi fa soffrire leggere abomini (chi sa dirmi come mettere l’accento circonflesso in wordpress?) tipo: “ti stà bene”, “mi fà male”. Forse è perché ci si confonde con l’imperativo? Eppure no, non è possibile: l’imperativo vuole l’apostrofo, semmai: fa’ questo, fa’ quello, sta’ qui vicino a me – si tratta di un’elisione. Anche qui e qua si scrivono senza segnetti, proprio come i nomi dei nipotini di Paperino. Là, invece, no: l’accento lo vuole. Problemi analoghi con la prima persona: sto bene, lo so (in quest’ultimo caso, gli errori sono fortunatamente molto infrequenti). E per ultimo: qual è. Qual-spazio-è. Niente apostrofi. Mai. La Crusca (e Suzukimaruti) sono d’accordo con me.

3. punti e puntini

I tre puntini, noti anche come puntini di sospensione, sono oggetto di abuso continuo e costante. Soprattutto negli sms, ma non soltanto. Il troppo stroppia, come diceva mia nonna: i non detti, i sottintesi, i vorrei-ma-non-posso li si rende nella scrittura anche in altri modi. E dopo il punto fermo ci vuole uno spazio. Sempre

4. incomprensibile e involuto è diverso da “bello”

Le proposizioni subordinate sono molto importanti; relative, concessive, ipotetiche: aiutano a strutturare le idee in maniera complessa e accompagnano chi legge lungo i nostri percorsi mentali. Dato che esistono, è quasi doveroso usarle e sarebbe sciocco non approfittarne – ma senza esagerare. Tre relative in uno stesso periodo sono, nella maggior parte dei casi, semplicemente eccessive; una volta io pensavo dessero “personalità” al mio modo di scrivere, ma in seguito ho finalmente capito che risultano estremamente fastidiose, in quanto appesantiscono le frasi senza che ve ne sia necessità.

Le proposizioni relative che usavo nelle cose che scrivevo, o a cui ricorrevo parlando di ciò che mi interessava, erano, per le persone che mi leggevano, un ostacolo che faceva loro passare la voglia di seguirmi.

Wow. Ne abuso ancora, che gran sollievo 😀

Annunci

14 Responses to “Il potere della lingua”


  1. 1 puntomaupunto 7 gennaio 2008 alle 7:25 pm

    Io sono della scuola che “sé stesso si accenta” e tiro fuori il Serianni se qualcuno non è d’accordo. Non mi offendo se altri non lo accentano, ma ho le mie idiosincrasie.
    Per l’accento grave sulla e, hai dimenticato “piè” 🙂

  2. 2 MissJ. 7 gennaio 2008 alle 8:39 pm

    Salve,
    Sono l’autrice dell blog Wonderland Burns. Leggendo l’interessante post ho notato un link (refusi) al mio blog che però purtroppo non porta a nessuna pagina, o meglio, il messaggio è quello di pagina “mancante”.

    Pur essendo a mia volta amante dell’italiano (probabilmente non a sufficienza) e avendo una laurea, avrei avuto piacere nel leggere i miei errori in modo da poter migliorare e possibilmente non ripeterli più in futuro.

    Mi auguro di non averne commessi troppi in questo breve messaggio.

    Saluti.

  3. 3 odiamore 8 gennaio 2008 alle 10:46 am

    Grazie per la segnalazione, .mau. piè veloce 😉

  4. 4 .mau. 8 gennaio 2008 alle 10:49 am

    (e ieri sera, leggendo delle bozze, ho scoperto che anche ahimè ha la e grave… Fortuna che sono parole poco usate 🙂 )

  5. 5 odiamore 8 gennaio 2008 alle 11:00 am

    Per .mau.: fortuna sì, però in effetti ahimè andrebbe usata di più, è molto molto efficace!

    Per MissJ: si è trattato di un errore – il link doveva andare alla relativa pagina di Wikipedia (come per il successivo “anacoluto”); adesso l’ho corretto e dovrebbe funzionare come era nelle mie intenzioni. Non mi sarei permessa, per inciso, di fare esempi espliciti – forse anche per pavidità, temendo un linciaggio che non sarebbe stato ingiustificato 🙂 Tra l’altro, se ripassi di qui, ti segnalo che non riesco ad accedere al tuo blog, e mi dispiace! mi rimanda direttamente alla mia dashboard di wordpress :O

  6. 6 Brain 8 gennaio 2008 alle 5:25 pm

    Si scrive male perché si legge poco (o nulla).

  7. 7 bloggointestinale 8 gennaio 2008 alle 10:02 pm

    solo per dire che si potrebbero scrivere dei gran dottorati sulla diatriba sé stesso vs. se stesso. raffinati linguisti danno per corretta la prima, mentre bollano la seconda come un insignificante vezzo di codesto disgraziato momento storico.

  8. 8 odiamore 9 gennaio 2008 alle 3:07 pm

    Brain: sono d’accordo con te, la lettura – quando “praticata” regolarmente ed estensivamente – aiuta sommamente la scrittura (te ne accorgi soprattutto quando si tratta di una lingua straniera). Ma ho un dubbio: il fatto che si legga poco è una vera e propria causa oppure un effetto di qualcos’altro?

    Bloggointestinale: grazie per la segnalazione – da parte mia, continuerò a essere poco raffinata 🙂 L’importante per me è non vedere scritto sè stesso, con tanto di accento grave

  9. 9 lacriticacritica 10 gennaio 2008 alle 12:29 am

    …mmm, che dire… é difficile scrivere un commento dopo il tuo post… sì rischia di incorrere in errori iN x donabimli, soggetti all’ inflessibile giudizio di Odiamore.Cosi’ ì criticicritici sì limitano a chiedere carita’ e coN prensione quando la redattricIe di questo post vorra’ far visita al nostro modestissimo blog… “E se sbaglio mi corrigerete” [cit]. Ahimé 😛

    p.s. …sono arrivate le spille!

  10. 10 #6 10 gennaio 2008 alle 1:35 am

    Pensa che questo è stato scritto in risposta a te (o almeno pare).

  11. 11 odiamore 10 gennaio 2008 alle 1:55 am

    Per lacriticacritica: carità e comprensione per chiunque sia stato una settimana al freddo e al gelo dell’inverno padano, lo prometto. 😀 Le spille sono arrivate??? la voglio la voglio la voglio

    Per #6: la dura legge del contrappasso… Per inciso, sempre meglio di quella del contrabbasso, che quando grazie alla forza di gravità ti casca su un piede non è per nulla gradevole 😉

  12. 12 anonima 29 aprile 2008 alle 7:23 pm

    LA GRAMMATICA FA SKIFOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
    DA SEMPREEEEEE NN DOVRBBE ESISTEREEEE C…O


  1. 1 Fontan Blog » Il potere della lingua - Il blog degli studenti. Trackback su 7 gennaio 2008 alle 3:31 pm
  2. 2 Appunti Blog IT » Il potere della lingua Trackback su 8 gennaio 2008 alle 4:38 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 80,722 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: