La dimensione dell’orizzonte

Qualche settimana fa, dopo tanto tempo, mi sono ritrovata seduta a un tavolo con un gruppo di fisici – dove con “fisici” non intendo gente palestrata, ma persone che, chi più chi meno, di mestiere fanno il ricercatore o lo studente di dottorato in fisica.

Chi non ha mai provato quest’esperienza… Beh, credetemi: bisognerebbe farlo, almeno una volta. Due volte nella vita è forse troppo, ma una volta è necessaria. Ma non è questa l’occasione per spiegarne i numerosi motivi – ce ne saranno altre.

Pare che ci sia una fortissima correlazione tra chi studia matematica o fisica e chi soffre della sindrome di Asperger. Tutta razionalità, zero emotività. Ne ho già scritto ma, in realtà, non ne sarei così sicura. Perché, se da un lato è vero che i fisici (e i matematici) non fanno altro che parlare di fisica e matematica (i matematici soltanto di matematica, però), è altrettanto vero che si finisce sempre per andare a parare su ciò che, oltre alla propria materia di studio, sta più a cuore: l’incertezza del futuro.

Quella sera, dopo tanto tempo, ho rivisto, tra le altre una persona che per me è stata molto importante e che non vedevo da sei anni. Ringrazio Api, per questo – e lo voglio fare pubblicamente anche se magari non leggerà queste righe; e allo stesso tempo lo scrivo perché significa che mi sto impegnando a farlo a voce la prossima volta che lo vedrò – anche se sarà difficile, e probabilmente imbarazzante, per entrambi. Ma non è neanche su questo che ho intenzione di soffermarmi.

Quella sera, tra le tante cose che mi sono successe mentre giocavamo a ritrovarci dopo tanto tempo, ho parlato con il giovane Gerry, ex studente di fisica ora alle prese con una laurea in matematica. E mentre ragazzi che fanno un PostDoc dall’altra parte del mondo, o che dall’altra parte del mondo sono appena ritornati delusi dal mondo della ricerca, si interrogavano, come ho scritto, sul loro futuro privo di qualsiasi forma di certezza sia lavorativa sia emotiva, mi sono trovata a dire a Gerry che l’orizzonte non è un punto. L’orizzonte è una linea.

L’orizzonte è una linea, e in quanto tale costituita di infiniti punti. E ancora: l’orizzonte, se proprio vogliamo spingere la metafora ancora un po’ più in là, è una circonferenza nel centro della quale sono io. Io con le mie scelte, io con le mie ambizioni, io con le mie speranze, io con la mia paura di non avere un progetto. Intendendo, con progetto, proprio il punto, su quella linea che mi si staglia dinnanzi, al quale voglio tendere.

L’orizzonte ha due dimensioni, dunque; non una. L’orizzonte verso cui tendiamo è significativamente limitato, ma non limitante. Perché un cerchio, sempre e comunque, è uno spazio di area finita (pigrecoerrequadro) racchiuso da una linea di lunghezza finita (duepigrecoerre) e, allo stesso tempo, costituita di infiniti punti. Ci sono dunque infiniti progetti, infinite speranze, infinite paure verso cui possiamo voler tendere. E, allo stesso tempo, la nostra vita da pigrecoerrequadro è rassicurantemente racchiusa in duepigrecoerre, non di più né di meno. Cambiare meta in corso d’opera non significa, necessariamente, accontentarsi. Perché abbiamo molta più scelta di quanto a volte non ci possa sembrare.

E come mi ha scritto Gerry due giorni dopo – perché i matematici, forse ancora più dei fisici, ci pensano bene prima di pronunciarsi definitivamente:

Ho riflettuto su ciò che hai detto l’altra sera. Penso che io abbia sbagliato a sostenere che muoversi nel fattibile (l’orizzonte che mi spiegavi) sia accontentarsi. Lo sarebbe se si potesse realizzare l’impossibile. Il che è assurdo. Ritengo corretta la tua condotta e non la mia, che porta a una probabile infelicità.

Annunci

9 Responses to “La dimensione dell’orizzonte”


  1. 1 puntomaupunto 8 novembre 2007 alle 7:30 pm

    certo che i matematici parlano solo di matematica e non di fisica… ma non direbbero mai che la circonferenza ha due dimensioni 😛

  2. 2 odiamore 8 novembre 2007 alle 8:19 pm

    Ma un cerchio sì! o sbaglio? 😉

  3. 3 Brain 9 novembre 2007 alle 9:46 am

    Questo me lo stampo. Come sapevi che avevo esattamente bisogno di sentirmi dire queste parole stamattina? 😉

  4. 4 Antonio 9 novembre 2007 alle 2:39 pm

    Ma se pensiamo ad un algoritmo che sia autoconsistente, si può entrare (concettualmente) nello spazio con dimensioni non intere, ed allora, certi orizzonti includono uno spazio in cui una parte è uguale al tutto…così, se raggiungi una parte delle tue aspirazioni, può essere che hai raggiunto tutto.
    Vista così, aumenta la probabilità che l’infelicità venga superata dalla felicità.
    La mia vita frattale….

  5. 5 odiamore 9 novembre 2007 alle 8:05 pm

    La mia vita frattale è un’espressione talmente bella che sarà sicuramente il titolo di un prossimo post – accetto suggerimenti, idee, suggestioni e quant’altro.

    Per il resto: felice che Brain tragga giovamento da ciò che scrivo – molto, molto, molto felice 🙂 Antonio: quali sarebbero questi spazi in cui una parte è uguale al tutto? E perché poi l’infelicità dovrebbe essere, in tal caso, superiore alla felicità? Un po’ di ottimismo, pliiiiz 😉

  6. 6 TwoMinds 10 novembre 2007 alle 7:28 pm

    …anni fa avevo letto un articolo sulla geometria frattale delle opere di Pollock… gia’ egli dipingeva in dimensione frattale… google ancora mi restituisce questo…

  7. 7 odiamore 11 novembre 2007 alle 7:12 pm

    Per TwoMinds (e anche per Antonio che mi ha fatto venir voglia di riprenderlo in mano, perché no): se ti interessa l’argomento prova questo libro – “Il disordine dei mercati” – in cui Benoit Mandelbrot mette in relazione geometria frattale ed economia (in senso molto ampio).

  8. 8 TwoMinds 11 novembre 2007 alle 8:44 pm

    …nel post precedente… voleva essere questo = http://discovermagazine.com/2001/nov/featpollock

  9. 9 Antonio 12 novembre 2007 alle 12:05 pm

    Blogghista fisica,
    rileggi il mio post…era più che ottimista…
    di Mandelbrot ho letto praticamente tutto, la sua non venuta a Genova è stata una delusione profondissima..
    invece, Leonardo scriveva già all’epoca:
    “ogni corpo empie le circumstanti parte d’infinite sue similitudine, ed empie il tutto per tutto e il tutto in ogni parte”..
    non passiamo al riempire i corpi simili o che si sentono parti di se stessi…:-)
    buon viaggio alla pioggia della tua Sole


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 80,262 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

novembre: 2007
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: