Apertura straordinaria – solo per oggi

Scherzetto, non parto più 😉

No, non è vero; tra meno di dodici ore dovrei essere su un aereo. E’ che ho un’ora buca e sono a casa dei miei genitori a raccattare quei pezzi della mia vita che non avevo mai ritenuto necessario portarmi dietro – l’adattatore universale (che comunque non ho trovato), lo zainetto di quando facevo il liceo (che mi servirà per stipare le creme da sole) e un filo per stendere la biancheria.

Già, preparare una valigia è sempre un’esperienza interessante. Ti soffermi a riflettere su quali oggetti sono essenziali / importanti /superflui per il tuo benessere quotidiano – o, almeno, io mi sono soffermata diverse volte oggi, complice anche il fatto che con 35 gradi ogni azione fisica (e mentale) richiede una fatica spropositata.

La prima cosa che ho scelto sono stati i libri – sempre e comunque. Vado in un paese dove parlerò spagnolo: quindi un libro in spagnolo; vado in un paese dove spero di passare la maggior parte del tempo in spiaggia a dividermi tra sole e ombra: quindi un libro lungo, di almeno 500 pagine. E poi, e poi. Altri tre afferrati un po’ a caso dallo scaffale in lista d’attesa, perché non si sa mai, poi magari litigo con i miei compagni di viaggio e mi tocca passare un sacco di tempo da sola. Ecco, in effetti ora che ci penso la prima cosa che ho scelto non sono stati i libri, ma gli amici con i quali partire. Però, la prima cosa a cui mi sono dedicata dopo aver posizionato lo zaino ai piedi del letto è stata la selezione dei libri che mi accompagneranno.

Vado in un paese in cui nessuno di noi è mai stato, e sono emozionata. Sono stanca, e sono felice che un po’ mi dispiaccia di abbandonare la quotidianità. Oddio: non vedo l’ora di rosolarmi al sole / bere mojito al tramonto / stare immersa nell’oceano atlantico fino a farmi screpolare le mani. Non mi si fraintenda. Però mi accompagna una leggera malinconia, segno del fatto che tutto sommato le cose non vanno poi così storte, qui e ora.

Questo non significa che non muoia dalla voglia di partire, anzi. Ecco perché, dopo aver eliminato magliette che tanto è dal 2003 che non indosso e probabilmente non mi stanno più, scarpe che mi fanno male ai piedi soltanto a guardarle, un balsamo-maschera per i capelli che vale quasi metà stipendio e tutto quello che Candi mi ha detto che si è portata lei (ossia mezza casa!), sono tornata ai libri. Perché tra qualche settimana, quando sarò tornata, e tra qualche mese o qualche anno, quando sarò chissà dove, succederà: sposterò un libro da uno scaffale e se ne paleserà un altro di cui non avrò memoria, lo aprirò ed ecco che risentirò i profumi di cibo e i suoni del vento e le voci delle persone che ho conosciuto…

Annunci

2 Responses to “Apertura straordinaria – solo per oggi”


  1. 1 ilredeire 29 luglio 2007 alle 9:30 pm

    Com’era quel detto… “Paese che vai libro che trovi!?”

  2. 2 Brain 30 luglio 2007 alle 11:04 am

    Buona vacanza! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Feed RSS

Non conto un cazzo

Cosa ho scritto fino a ieri

Quanti sono passati di qui

  • 80,468 hits

Creative Commons License
Se avessi voluto tenermi tutto per me avrei continuato a scrivere un diario segreto chiudendolo con un lucchetto. Quanto scritto nel blog, tuttavia, è protetto da una Licenza Creative Commons.

click analytics

Costellazioni

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

luglio: 2007
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: